Gli occhi di Valeria

Una storia tra tante: lo sguardo che cambia.

Quando potrò tornare a casa?
Valeria, 10 anni ed occhi blu profondo, mi rivolse questa domanda pochi secondi dopo avermi conosciuto.
Ero appena entrato in struttura e stavo apparecchiando per la cena, dopo essermi presentato timidamente alla nuova bimba arrivata, lasciandole il suo tempo per fare i conti con la naturale diffidenza che accompagna i bambini nel loro primo giorno in comunità.
Ti ho chiesto: quando potrò tornare a casa?
La domanda risuonò in cucina per la seconda volta; domanda semplice, ma che avrebbe richiesto una risposta complessa.
Come dire a quella piccola dagli occhi profondi che la sua permanenza nella nostra casa sarebbe stata per lei molto lunga, forse fino alla maggiore età? Come spiegarle che quello che i suoi genitori le avevano fatto era qualcosa che nessuno deve fare ad una bambina? Scelsi la sincerità, e le risposi semplicemente Non lo so, ma l’importante è che tu possa finalmente stare bene e abbia trovato una casa che sia per te un posto sereno dove vivere e crescere. E ti prometto che sarà così, qui, con noi.
Lei cominciò a piangere, in silenzio, e pianse per almeno due ore, di volta in volta rassicurata, osservata da distante ed avvicinata dagli altri bambini presenti in casa.
Ricordo molto bene quando Manuel la prese per mano e la accompagnò a vedere la sua stanza, mostrandole orgogliosamente il disegno che quel giorno aveva fatto a scuola, raccontandole che viveva con noi da quasi due anni e si sentiva felice. Fu la prima volta che la vidi sorridere.
Valeria restò a lungo con noi, e quando tre anni dopo lasciò la nostra casa per raggiungere la famiglia che l’aveva presa in affido familiare, prima di andare via mi prese da parte, sorrise e mi disse Grazie per aver mantenuto la promessa, non lo dimenticherò.
Valeria ora ha 16 anni e qualche mese fa ci è venuta a trovare: e questa volta, a far scorrere qualche lacrima sono stato io.
Ancora una volta benedicendo il mio lavoro ed il giorno in cui mi ha scelto.

Ultime storie

Lettera ad E.

Lettera ad E.

Non ti ho conosciuta prima del lockdown, neanche fuori da scuola, avevo solo incontrato la tua mamma che mi aveva chiesto una mano per...

leggi tutto